Un incunabolo di Ovidio e le prospettive di accesso online al libro antico