Contro la cultura. La letteratura, per fortuna