Rainer Werner Fassbinder sull'altalena: Effi Briest e la nostalgia dell'innocenza