Tecnologia e condizione umana. Una riflessione bioetica