Scorpioni in bottiglia e vino delle fate. Ancora su Byron e Shelley ad Este