Tra Creuzer, Dupuis e Monti: il simbolico "mazzolin" dionisiaco del "Sabato del villaggio". Leopardi e la "nuova mitologia"