The first book of Herodian’s “History of Empire after Marcus” appears structurally organized around five plots (Lucilla’s, Perennis’, Maternus’, Cleander’s, Laetus and Eclectus’). The reason for this lies in the fact that Herodian builds his portrait of Commodus accepting the image of the emperor corrupt and tyrannical according to the senatorial tradition. In this narrative takes on its value the dialectic between silence and consensus that seems dominate the different episodes: on the one hand, every conspiracy is built and necessarily develops in silence, on the other hand it needs to manifest itself through a consensus audience (and disagreement in opposition to it). In these events there is also the prominent role of the people, that is, the urban plebs especially regarding his reactions and therefore its weight in the political struggle.

Il primo libro della Storia di Erodiano appare strutturalmente organizzato attorno a cinque congiure (Lucilla, Perenne, Materno, Cleandro, Leto ed Ecletto). La ragione di questa scelta può esere rintracciata nel fatto che Erodiano, accogliendo l’immagine dell’imperatore corrotto e tirannico tipico della tradizione senatoria. In questa trama assume una sua valenza la dialettica tra silenzio e consenso che sembra dominare i diversi episodi: se da un lato ogni congiura è progettataa e si sviluppa necessariamente nel silenzio, dall’altro essa ha bisogno di manifestarsi attraverso un consenso (e un dissenso in opposizione ad essa) pubblico. In queste vicende appare decisivo il ruolo del popolo, cioè della plebs urbana sprattutto per quanto riguarda le sue reazioni e dunque il suo peso nella lotta politica.

Galimberti, A., Congiure, silenzi e moti popolari durante il regno di Commodo, Les sons du pouvoir des autres, Presses Universitaire de Franche-Comté, Besançon 2017: 41-51 [http://hdl.handle.net/10807/109067]

Congiure, silenzi e moti popolari durante il regno di Commodo

Galimberti, Alessandro
2017

Abstract

Il primo libro della Storia di Erodiano appare strutturalmente organizzato attorno a cinque congiure (Lucilla, Perenne, Materno, Cleandro, Leto ed Ecletto). La ragione di questa scelta può esere rintracciata nel fatto che Erodiano, accogliendo l’immagine dell’imperatore corrotto e tirannico tipico della tradizione senatoria. In questa trama assume una sua valenza la dialettica tra silenzio e consenso che sembra dominare i diversi episodi: se da un lato ogni congiura è progettataa e si sviluppa necessariamente nel silenzio, dall’altro essa ha bisogno di manifestarsi attraverso un consenso (e un dissenso in opposizione ad essa) pubblico. In queste vicende appare decisivo il ruolo del popolo, cioè della plebs urbana sprattutto per quanto riguarda le sue reazioni e dunque il suo peso nella lotta politica.
Italiano
978-284867-600-5
Presses Universitaire de Franche-Comté
Galimberti, A., Congiure, silenzi e moti popolari durante il regno di Commodo, Les sons du pouvoir des autres, Presses Universitaire de Franche-Comté, Besançon 2017: 41-51 [http://hdl.handle.net/10807/109067]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/109067
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact