Cozzani, d'Annunzio e la "provvidenza apollinea"