La beatitudo (e il suo nesso con l’amor) in Tommaso d’Aquino