Il doppio prologo della “Mandragola” e la scena di città