L’identificazione molecolare è un tipo di analisi che consente di determinare la natura di reperti biologici, rinvenibili nelle derrate alimentari, attraverso l’analisi del loro DNA. Questa tecnica, nota anche come “barcoding”, può essere impiegata in supporto alle analisi biologiche e morfologiche classiche quando ci si trova in presenza di corpi estranei che per le loro caratteristiche (dimensioni, stato di conservazione, alterazioni o perdita delle parti morfologicamente diagnostiche prodotte dai processi di lavorazione, ecc…) non possono essere identificati con certezza con i protocolli classici di riconoscimento. Ciò è possibile grazie a due elementi: lo sviluppo di tecniche di sequenziamento, sempre più rapide e meno costose, e la possibilità di confrontare la sequenza oggetto di indagine con banche dati liberamente accessibili on line, in cui il numero di sequenze depositate è cresciuto in modo esponenziale nel corso degli ultimi anni. Il seguente lavoro analizza alcuni casi di reperti di origine animale che negli anni recenti sono stati sottoposti all’Istituto di Entomologia e Patologia vegetale e che sono stati risolti per mezzo dell’identificazione molecolare evidenziando i principali steps sperimentali e le tecniche molecolari impiegate per l’estrazione del DNA, l’amplificazione dei geni mitocondriali o ribosomali utilizzati per il barcoding e la ricerca nelle banche dati.

Panini, M., Mazzoni, E., Pagani, M., Utilizzo di tecniche molecolari per il riconoscimento di infestanti delle derrate, in La difesa antiparassitaria nelle industrie alimentari e la protezione degli alimenti, (Piacenza, 19-21 September 2012), Chiriotti, Pinerolo 2013: 378-384 [http://hdl.handle.net/10807/48253]

Utilizzo di tecniche molecolari per il riconoscimento di infestanti delle derrate

Panini, Michela;Mazzoni, Emanuele;Pagani, Marco
2013

Abstract

L’identificazione molecolare è un tipo di analisi che consente di determinare la natura di reperti biologici, rinvenibili nelle derrate alimentari, attraverso l’analisi del loro DNA. Questa tecnica, nota anche come “barcoding”, può essere impiegata in supporto alle analisi biologiche e morfologiche classiche quando ci si trova in presenza di corpi estranei che per le loro caratteristiche (dimensioni, stato di conservazione, alterazioni o perdita delle parti morfologicamente diagnostiche prodotte dai processi di lavorazione, ecc…) non possono essere identificati con certezza con i protocolli classici di riconoscimento. Ciò è possibile grazie a due elementi: lo sviluppo di tecniche di sequenziamento, sempre più rapide e meno costose, e la possibilità di confrontare la sequenza oggetto di indagine con banche dati liberamente accessibili on line, in cui il numero di sequenze depositate è cresciuto in modo esponenziale nel corso degli ultimi anni. Il seguente lavoro analizza alcuni casi di reperti di origine animale che negli anni recenti sono stati sottoposti all’Istituto di Entomologia e Patologia vegetale e che sono stati risolti per mezzo dell’identificazione molecolare evidenziando i principali steps sperimentali e le tecniche molecolari impiegate per l’estrazione del DNA, l’amplificazione dei geni mitocondriali o ribosomali utilizzati per il barcoding e la ricerca nelle banche dati.
ita
La difesa antiparassitaria nelle industrie alimentari e la protezione degli alimenti
IX Simposio "La difesa antiparassitaria nelle industrie alimentari e la protezione degli alimenti"
Piacenza
19-set-2012
21-set-2012
978-88-96027-16-5
Panini, M., Mazzoni, E., Pagani, M., Utilizzo di tecniche molecolari per il riconoscimento di infestanti delle derrate, in La difesa antiparassitaria nelle industrie alimentari e la protezione degli alimenti, (Piacenza, 19-21 September 2012), Chiriotti, Pinerolo 2013: 378-384 [http://hdl.handle.net/10807/48253]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/48253
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact